TECAR TERAPIA

TECAR TERAPIA

TECAR TERAPIA

La Tecarterapia è l’ultimo frutto della ricerca in terapia fisica.
Abbrevia i tempi di recupero riabilitativo e riduce il dolore; basata su una tecnica innovativa, la quale stimola energia dall’interno dei tessuti, andando ad attivare i naturali processi riparativi ed infiammatori.
L’idea di trasferire o canalizzare una determinata energia ai tessuti lesi, a scopi terapeutici è comune a molte terapie, conosciute in fisioterapia.

Ciò che differenzia la Tecarterapia è la modalità di trasferimento energetico; nelle tradizionali terapie fisiche si utilizza un irradiazione di energia dall’esterno, qui invece viene utilizzata l’energia endogena al tessuto;
tutto ciò è permesso attraverso il richiamo nella zona interessata di cariche elettriche, presenti sotto forma di ioni nei tessuti.
Questo processo crea una forte stimolazione cellulare, riattiva la circolazione, ed in base allo scopo prestabilito può incrementare la temperatura interna, accelerando i meccanismi fisiologici.

EFFETTI FISIOLOGICI:

determinati dall’aumento dell’energia endogena:

  • Riduzione del dolore, per azione contro-irritante o per liberazione di endorfine (Analgesia)
  • Riduzione delle contratture e degli spasmi muscolari per ridotta attività degli efferenti secondari,
  • Più rapide e completa dissociazione di Ossigeno ed Emoglobina con maggiore disponibilità (Recupero),
  • Vasodilatazione con aumento del flusso ematico locale che contribuisce a rifornimento tissutale e asporto cataboliti (microcircolo cellulare)
  • Velocizzazione del riassorbimento di raccolte emorragiche (Drenaggio edemi).

VANTAGGI:

La riduzione o eliminazione del dolore è un effetto percepito dal paziente sin dalla prima seduta, ciò facilità e rende più efficaci le manovre terapeutiche successive, che saranno effettuate su tessuti liberati da una contrattura antalgica.

Ad es. in assenza di dolore si potrà lavorare più in profondità, ottenendo risultati più rapidi e allo stesso tempo più duraturi.

La tecarterapia è in grado di offrire un valido supporto al fisioterapista nel trattamento di distretti Articolari e gruppi o catene Muscolari, ma anche nella terapia atta a migliorare patologie infiammatorie Ostearticolari, quali artrosi, artriti, lombalgie e lombosciatalgie.

La terapia può essere ripetuta più volte nell’arco della settimana e nell’arco della giornata se lo si ritiene opportuno, il tutto a vantaggio di tempi di recupero e guarigione del paziente.

 

TECAR NEL MONDO DELLO SPORT

Tecar-terapia-rehability-lugano2

Sempre più diffusa la presenza di questo supporto nell’ambito riabilitativo e preventivo ad indirizzo sportivo.

Lo stress imposto nel conciliare, la cura della lesione muscolo-tendinea dell’atleta, la salvaguardia dello stato di salute dello stesso, la conservazione del patrimonio societario in ambito professionistico ed il recupero nei tempi più rapidi, a volte al di fuori da ogni ragionevole considerazione di ordine fisiologico o clinico, spesso pone al medico dello sport responsabile di atleti d’élite,  a prendere decisioni al di fuori di ogni ragionevole considerazione di origine fisiologico-clinico, alcune volte contrastanti tra loro.

Valido esempio sono le lesioni muscolari che, secondo la logica rendono l’atleta non idoneo per periodi variabili di tempo, essendo certificate sempre da un esame diagnostico (dato di fatto).

Allenatori e dirigenti, spesso spingono il medico ed il terapista in condizione di condividere la necessità di “fare in fretta”, il tutto a scapito dell’atleta professionista.

La possibilità di eseguire trattamenti fisioterapici nei primissimi giorni dopo l’infortunio, tutto nella speranza di ridurre i tempi di recupero, spesso delle volte rimane solo una “forte tentazione” non supportata da dati scientifici.

 

Opinioni personali

Alcuni studi interessanti in evidenza scientifica sulla utilizzo della Tecarterapia, hanno potuto dimostrare un’ evidente significatività nelle lesioni acute e croniche, il ciò collegandolo alla drastica ed immediata riduzione del dolore ed un accorciamento dei tempi di recupero, determinando così una pronta ripresa dell’attività agonistica.

Grazie alle mie esperienze personali nell’ambito sportivo, ho potuto constatare che sia un ottimo strumento atto a ridurre in maniera rilevante la soglia del dolore nel trauma acuto, molto efficace altrettanto nel recupero post competizione, e nel trattamento di patologie cronicizzate nell’arco di una carriera sportiva caratterizzata dalla ripetizione del gesto atletico.

I principali benefici che ho potuto riscontrare sono:

  • Più reattività
  • Miglior ossigenazione, che rende i muscoli più elastici e reattivi, meno soggetti a traumatismi (stiramenti e strappi),
  • Più Forza
  • Lo stimolo del microcircolo e della capillarizzazione, aumentano la capacità del muscolo di ricevere sangue,
  • Meno Fatica, aumento di circolazione linfatica e sanguigna, la quale garantisce un più veloce smaltimento di tossine e deacidificazione.

Di Ft. Martino Donati
Swiss Olympic Physioterapist
Swiss Basketball Physioterapist
SAM Basket Massagno Physioterapist